Retribuzioni da fame per i TSRM neolaureati nella Puglia dei corsi di laurea trasferiti a suon di milioni!

Crea: 06/04/2018 - 15:10

644 euro di retribuzione. Questo è quanto certificato da Almalaurea come retribuzione di quel 20% dei laureati a Foggia che ad un anno dalla laurea hanno trovato lavoro!

Da questo dato, ha preso spunto la dichiarazione a verbale (in allegato) per l'incontro che l'Ordine TSRM e PSTRP Foggia avrà con l'Università - Polo di Barletta.

Si riporta un estratto:

Questo Ente diffida l’Ateneo ad aumentare i posti nella sede di Barletta rispetto ai 10 (dieci) concordati con il famigerato protocollo d’intesa da 1,8 milioni di euro con l’ASL BT, oggetto anche di un esposto alla Corte dei Conti a firma del sottoscritto.

L’anno scorso tale accordo è stato violato, portando a 15 i TSRM in formazione a Barletta. Siamo così dovuti intervenire in diverse sedi istituzionali (Ministero, Regione, Federazione), affinché il numero totale dei posti in Puglia fosse 20.

Di conseguenza, la sede di Bari si è dovuta accontentare di soli 5 posti! A tal proposito, si ricorda che avere due sedi di corso a pochi chilometri l’una dall’altra è in contrapposizione a quanto previsto dal DM del MIUR n.827 del 15 ottobre 2013 “Linee generali di indirizzo della programmazione 2013-2015” nel quale si auspica un dimensionamento sostenibile del sistema universitario attraverso la razionalizzazione dell’offerta formativa tramite: “Fusioni tra due o più Università, accorpamento o eliminazione su base regionale, macro regionale o nazionale, in funzione della domanda della sostenibilità e degli sbocchi occupazionali, riduzione del numero di corsi presso sedi decentrate”.

 

Mantenere a 20 i posti in Puglia è un’esigenza di qualità della formazione, una necessità del mercato del lavoro, una garanzia in più per i bisogni della società. Nella Scheda Unica Annuale (SUA) del 28/09/2017, Quadro C2- Efficacia esterna- è scritto che ad un anno dalla laurea “il tasso di occupazione è pari al 20,8%, contro una percentuale media nazionale del 50,3%”, ma non solo: “il lavoro risulta essere retribuito in media con un importo pari ad 644 €”.

Questi due dati hanno importanti risvolti sociali:

  • In Puglia c'è ancora un notevole numero di disoccupati, frutto di un esubero formativo selvaggio in città come Foggia dove, a fronte di 200 laureati in otto anni, non è stato mai bandito un concorso per tecnico di radiologia. Oggi la nostra regione è ultima per TSRM occupati (ved. allegato).
  • Il forte squilibrio tra domanda e offerta di lavoro produce retribuzioni da fame che nel settore privato comportano un elevato turn-over di personale, a tutto svantaggio dell’utenza. Oltre che della dignità di giovani neolaureati che hanno superato una selezione a numero chiuso con rapporto domande/posti di 7 a 1!

Antonio Alemanno

 

About Author

Coordinamento regionale Collegi TSRM Puglia